Governo, i Ministri di Renzi

napolitano-renziEccola la squadra di governo del Renzi 1.

Ministero dell’Economia e del Tesoro: Pier Carlo Padoan,

Ministero degli Esteri: Federica Mogherini

Ministero della Cultura: Dario Franceschini

Ministero dell’Istruzione: Stefania Giannini

Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali: Maurizio Martina

Ministero Ambiente: Gianluca Galletti

Ministero della Difesa: Roberta Pinotti

Ministero della Giustizia: Andrea Orlando

Ministero dell’Interno: Angelino Alfano

Ministero Salute: Beatrice Lorenzin

Ministero Riforme: Maria Elena Boschi

Ministero dei Rapporti con il parlamento:

Ministero Affari Regionali: Maria Carmela Lanzetta

Ministero Lavoro: Giuliano Poletti

Ministero Sviluppo Economico: Federica Guidi

Ministero Infrastrutture: Maurizio Lupi

Ministero della Pubblica Amministrazione: Marianna Madia

Queste le schede di alcuni dei nuovi ministri

Interni Angelino Alfano (Agrigento, 31 ottobre 1970) è un politico italiano, Ministro dell’Interno e vicepresidente del Consiglio dei ministri nel governo Letta dal 28 aprile 2013, riconfermato poi al Viminale nel governo Renzi dal 22 febbraio 2014. Dall’8 maggio 2008 al 27 luglio 2011 è stato ministro della Giustizia nel governo Berlusconi IV. È stato il primo e l’unico segretario nazionale del Popolo della Libertà. Nel novembre 2013 è stato promotore della scissione dal PdL e del lancio del Nuovo Centrodestra

Politiche Agricole, Maurizio Martina è nato a Calcinate il 9 settembre 1978. Ha conseguito il Diploma di maturità presso l’Istituto tecnico Agrario di Bergamo. Inizia a far politica con il Movimento degli studenti nel 1994. Nel 1999 viene eletto consigliere comunale di Mornico al Serio con una lista civica. Nel 2002 diventa segretario regionale della Sinistra Giovanile ed entra a far parte della segreteria nazionale della medesima organizzazione, in qualità di responsabile “Lavoro”. Nel 2004 diviene segretario provinciale dei Democratici di Sinistra di Bergamo ed entra nelle segreteria regionale del partito. Nel 2007 viene eletto segretario regionale dei DS. Il 14 aprile 2007 è stato eletto segretario regionale del Partito Democratico lombardo, incarico confermato poi nel 2009. Dal 24 febbraio 2009 il Segretario del PD Dario Franceschini (già Vicesegretario di Veltroni nominato leader del Pd dopo le sue dimissioni dalla Segreteria nazionale) lo nomina Responsabile nazionale Agricoltura nella nuova Segreteria. Il 2 maggio 2013 viene nominato sottosegretario alle Politiche agricole, alimentari e forestali nel Governo Letta.

IstruzioneStefania Giannini (Lucca, 18 novembre 1960) è una linguista, glottologa e politica italiana. Professore Ordinario di Glottologia e Linguistica dal 1999, e già rettore dell’Università per stranieri di Perugia dal 2004 al 2013. Nel 1991 diviene Professore Associato di Glottologia e Linguistica. Presso l’Università per Stranieri di Perugia, dal 1992 al 1994 vince il concorso a cattedra di Fonetica e Fonologia e dal 1994 al 1998 ricopre la cattedra di Sociolinguistica. Nel 1999 diviene Professore Ordinario di Glottologia e Linguistica ed acquisisce nello stesso anno la titolarità della cattedra di Linguistica generale presso l’Università di Perugia. Dirige nello stesso ateneo il Dipartimento di Scienze del Linguaggio tra il 2000 e il 2004. Il 1º ottobre 2004 diventa rettore dell’Università per stranieri di Perugia, carica ricoperta fino all’aprile del 2013. Nel 2005 diventa rappresentante per l’Italia nel Comitato di Selezione del programma Erasmus Mundus presso la Commissione Europea fino al 2009. Nello stesso anno entra a far parte del Tavolo Interministeriale per la cooperazione allo sviluppo presso la Direzione Generale Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri. Dal 2006 è membro del Comitato di presidenza della conferenza dei rettori delle università italiane. Nel 2009 è membro del Comitato di orientamento strategico per le relazioni scientifiche e culturali fra Italia e Francia. Nel 2010 diventa presidente della Società Italia di Glottologia. Carriera politica[modifica Nel 2013 è candidata in Toscana nella lista Con Monti per l’Italia alle elezioni politiche del 24 e 25 febbraio per il Senato della Repubblica, venendo eletta senatrice della XVII Legislatura. Il 16 novembre dello stesso anno, l’Assemblea di Scelta Civica la nomina nuova segretario e coordinatrice politica del partito. È presidente della delegazione parlamentare italiana presso l’Assemblea parlamentare dell’Iniziativa Centro Europea.

Difesa, Roberta Pinotti (Genova, 20 maggio 1961) è una politica italiana, Sottosegretario di Stato al Ministero della Difesa sotto il Ministro Mario Mauro nel Governo Letta. Biografia[modifica | modifica sorgente] Laureata in lettere moderne, insegnante di italiano nei licei, ha iniziato la sua carriera politica negli anni novanta venendo eletta consigliere circoscrizionale con il Partito Comunista Italiano. Dopo lo scioglimento del PCI, ha aderito al Partito Democratico della Sinistra prima e ai Democratici di Sinistra poi (tra le file del cosiddetto “correntone”). È stata assessore alla scuola, alle politiche giovanili e alle politiche sociali della Provincia di Genova dal 1993 al 1997, assessore alle Istituzioni scolastiche di Genova dal 1997 al 1999 e segretaria provinciale dei DS dal 1999 al 2001. Nelle elezioni politiche del 2001 è stata eletta deputato alla Camera, essendo risultata vincitrice nel collegio Genova 7. Riconfermata dopo le elezioni politiche del 2006, ha aderito al gruppo parlamentare dell’Ulivo ed è stata nominata presidente della IV commissione difesa, prima donna italiana a ricoprire tale incarico. Alle Elezioni politiche italiane del 2008 è candidata in Liguria tra le fila del Partito Democratico al Senato della Repubblica, viene eletta. Sposata e madre di due figlie, nel settembre del 2006 ha annunciato la sua non disponibilità a presentarsi nelle elezioni primarie dell’Unione per stabilire il candidato a sindaco di Genova della coalizione di centrosinistra. Nel 2007 è nominata Responsabile nazionale Difesa nella Segreteria nazionale del Segretario Walter Veltroni, è nominata Ministro della Difesa nel Governo ombra del Partito Democratico, ruolo che ricopre dal 9 maggio 2008 al 21 febbraio 2009. e capo dipartimento del PD alla difesa con il segretario Dario Franceschini. È esponente di Area Democratica, la corrente di Franceschini uscita sconfitta dal Congresso PD del 2009. Dal 24 febbraio 2009 il neo-segretario del PD Dario Franceschini la nomina presidente nazionale del Forum Difesa del Pd. Nel 2012 si presenta alle primarie per la candidatura a sindaco di Genova, arrivando terza col 23,6% dopo il vincitore Marco Doria (indipendente, ma fortemente sostenuto da SEL, vincitore del 46%) e il sindaco uscente Marta Vincenzi (27,5%). Il 2 maggio 2013 viene nominata Sottosegretario di Stato al Ministero della Difesa sotto il Ministro Mario Mauro nel Governo Letta.

Beni Culturali e Turismo, Dario Franceschini (Ferrara, 19 ottobre 1958) è un politico, avvocato e scrittore italiano. Già segretario nazionale del Partito Democratico dal 21 febbraio al 25 ottobre 2009 e presidente del gruppo del PD alla Camera dei deputati dal 17 novembre 2009 al 19 marzo 2013, attualmente è Ministro per i Beni Culturali e del Turismo nel governo Renzi e deputato della XVII Legislatura. Il padre Giorgio fu partigiano bianco e deputato per la Democrazia Cristiana durante la II Legislatura, dal 1953 al 1958. Laureato in giurisprudenza all’Università degli Studi di Ferrara con una tesi in Storia delle Dottrine e delle Istituzioni politiche, ha pubblicato nel 1985 il libro Il Partito Popolare a Ferrara. Cattolici, socialisti e fascisti nella terra di Grosoli e Don Minzoni e sullo stesso argomento ha partecipato a convegni e a varie pubblicazioni. Dal 1985 esercita la libera professione come avvocato civilista cassazionista. È stato membro effettivo del collegio sindacale dell’Eni nei primi tre anni della privatizzazione; è socio ordinario di Astrid (Associazione per gli Studi e le ricerche sulla Riforma delle Istituzioni Democratiche e sull’innovazione nelle amministrazioni pubbliche) e della sezione italiana dell’Istituto Internazionale Jacques Maritain. È stato presidente dell’ente Palio di Ferrara. È cittadino onorario del Comune di Borgo Velino. Ha due figlie.

Affari Regionali, Maria Carmela Lanzetta è il nuovo Ministro agli affari Regionali appena nominata dal neo-premier Matteo Renzi: la calabrese, ex Sindaco di Monasterace (RC) balzata agli onori della cronaca per le minacce ricevute dalle cosche locali, a dicembre era stata eletta nella direzione nazionale del Pd.

Economia, Pier Carlo Padoan, economista e professore universitario, ha avuto incarichi come consulente presso la Banca Mondiale, la Commissione Europea e la Banca Centrale Europea. Dal 1 giugno 2007 è Vice Segretario Generale dell’Ocse, di cui due anni più tardi diviene Capo Economista, mantenendo entrambe le cariche. Nominato a fine gennaio presidente dell’Istat, Padoan è stato il rappresentante dell’Ocse al G20 Finanza e a capo della Risposta Strategica, della ‘Green Growth and Innovation Initiative’ dell’organizzazione. Prima ancora Padoan è stato professore di Economia all’Università La Sapienza di Roma e direttore della Fondazione Italianieuropei, un think-tank politico che si occupa di temi economici e sociali. Tra il 2001 e il 2005 ha ricoperto il ruolo di Direttore esecutivo per l’Italia del Fondo monetario internazionale con responsabilità su Grecia, Portogallo, San Marino, Albania e Timor Est, mentre dal 1998 al 2001 è stato consigliere economico presso la presidenza del Consiglio dei ministri, collaborando con i premier Massimo D’Alema e Giuliano Amato, e responsabile per il coordinamento della posizione italiana nei negoziati dell’ Agenda 2000 per il bilancio Ue, l’Agenda di Lisbona, il Consiglio Europeo, gli incontri bilaterali e i vertici del G8. Dal 1992 al 2001 ha anche insegnato al College of Europe ed è stato visiting professor in Italia, Argentina, Giappone, Polonia e Belgio.

Salute, Paola Lorenzin nasce a Roma da padre istriano di Pola, esule a Roma dal 1947, e da madre fiorentina di Campi Bisenzio[1]. Ha come titolo di studio la maturità classica. Si avvicina alla politica aderendo al movimento giovanile di Forza Italia nel Lazio nel 1996. Intraprende la carriera politica nell’ottobre 1997 con l’elezione, nella lista di Forza Italia, al Consiglio del XIII Municipio di Roma. Nell’aprile 1999 è Coordinatore Regionale del Lazio del movimento giovanile di Forza Italia, che conta 15 000 iscritti e oltre 100 eletti negli enti locali. Nel maggio 2001 è eletta Consigliere comunale di Roma. Unica donna nella coalizione di centrodestra, è Vicepresidente della commissione Donne Elette e Vicepresidente del Gruppo consiliare di Forza Italia. Tra la fine del 2004 e la metà del 2006 è Capo della Segreteria Tecnica di Paolo Bonaiuti, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri per l’informazione e l’editoria nel governo Berlusconi III. Nel maggio del 2005 è nominata Coordinatore Regionale di Forza Italia per il Lazio. Dal settembre 2006 al marzo 2008 ha ricoperto il ruolo di coordinatore nazionale di Forza Italia – Giovani per la Libertà. Dal 28 aprile 2013 è ministro della Salute del governo Letta. Il 30 settembre 2013 assieme agli altri ministri del Pdl presenta dimissioni “irrevocabili”,[8] che successivamente vengono respinte dal presidente del consiglio. Dopo lo scioglimento del governo Letta è diventata ministro del governo Renzi sempre alla salute con il Nuovo Centrodestra.

Infrastrutture e trasporti, Maurizio Lupi (Milano, 3 ottobre 1959) è un politico italiano, Vicepresidente della Camera dei deputati per il Popolo della libertà per la XVI legislatura e riconfermato nella XVII fino alla nomina, dal 28 aprile 2013 è Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti del governo Letta.
Lupi si è laureato nel 1984 in Scienze Politiche ad indirizzo economico, con una tesi su “l’introduzione del sistema editoriale integrato nel giornalismo quotidiano”, presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.[1] Iscritto all’ordine dei Giornalisti della Lombardia dal 1984 come giornalista pubblicista, è socio Ferpi (Federazione Relazioni Pubbliche Italia) dal 1990 ed è membro di Comunione e Liberazione. Dopo esser stato, per i due anni di vita universitaria, amministratore CUSL (Cooperativa Universitaria Studio e Lavoro), dal 1984 al 1993 è assunto al settimanale cattolico il Sabato prima come assistente personale dell’amministratore delegato, infine quale direttore marketing, fino alla chiusura del giornale. Dal 1989 è membro del consiglio di amministrazione dello SMAU. Dal settembre 1994 ricopre il ruolo di amministratore delegato di Fiera Milano Congressi, società controllata di Fiera Milano[2] ruolo da cui si è autosospeso il 3 maggio 2013.

Ambiente, Gian Luca Galletti (Bologna, 15 luglio 1961) è un politico italiano. Dal 28 aprile 2013 al 2014 è stato sottosegretario di Stato al Ministero dell’Istruzione sotto il Ministro Maria Chiara Carrozza nel Governo LettaDal 2008 è vice capogruppo vicario del Unione di Centro alla Camera dei Deputati. Si candida alle Elezioni regionali 2010 come Governatore della regione Emilia-Romagna per l’Unione di Centro ottenendo il 4,2%. Dal 21 marzo 2012 è vicepresidente dell’UdC alla Camera. Il 26 aprile seguente viene eletto per acclamazione nuovo capogruppo dell’Unione di Centro alla Camera dei deputati subentrando al leader del partito Pier Ferdinando Casini.[1] Il 2 maggio 2013 viene nominato Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Istruzione sotto il Ministro Maria Chiara Carrozza nel Governo Letta.

Pubblica Amministrazione, Marianna Madia, all’anagrafe Maria Anna Madia (Roma, 5 settembre 1980), è una politica italiana, parlamentare alla Camera dei deputati. È figlia del giornalista e attore Stefano Madia. Ha frequentato il Lycée Chateaubriand di Roma ottenendo la maturità francese con mention bien[1]. Dopo il conseguimento della laurea con lode in scienze politiche, si è specializzata all’Istituto di Studi Avanzati di Lucca, dove ha conseguito il dottorato di ricerca in economia del lavoro. Collabora con l’ufficio studi dell’AREL, l’Agenzia di ricerche e legislazione fondata da Nino Andreatta[2]. Vi coordina la redazione della rivista mensile telematica ELE (Europa Lavoro Economia). Dal giugno 2012 è membro del comitato direttivo dell’Arel. Dal 2011 componente del comitato di redazione della rivista Italianieuropei. Partecipa come ospite nel pubblico della trasmissione Economix in onda la notte su Rai 3. Nel 2006 firma anche alcuni servizi di coda per la stessa trasmissione.

Riforme Costituzionali, Maria Elena Boschi  nata a Montevarchi, il 24 gennaio 1981. Laureata in Giurisprudnza, vive e lavora a Firenze, dove esercita la professione di avvocato. Membro del CdA di Publiacqua ha rassegnato le dimissioni il 4 giugno 2013[1], è membro della direzione del Partito Democratico di Firenze. Ha sostenuto la candidatura di Matteo Renzi[2] alle primarie del centrosinistra del 2012. Viene candidata alle elezioni politiche italiane del 2013 alla Camera dei deputati nella circoscrizione Regione Toscana per la lista del Partito Democratico, risultando eletta. Il 9 dicembre 2013 diviene membro della segreteria nazionale del Partito Democratico. E’ stata eletta dal neopremier Matteo Renzi alla guida del Ministero delle Riforme Costituzionali e Rapporti con il Parlamento.