Ddl Giustizia, Stop Opg: Si rischia di tornare ai manicomi

Anche don Luigi Ciotti partecipera’ oggi e poi il 26 aprile alla staffetta del digiuno, aperta il 12 aprile da Franco Corleone (ex Commissario unico per il superamento degli Opg), per scongiurare che le Rems diventino a tutti gli effetti nuovi ospedali psichiatrici giudiziari per via di un comma del disegno di Legge ‘Modifiche al […]

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone

Anche don Luigi Ciotti partecipera’ oggi e poi il 26 aprile alla staffetta del digiuno, aperta il 12 aprile da Franco Corleone (ex Commissario unico per il superamento degli Opg), per scongiurare che le Rems diventino a tutti gli effetti nuovi ospedali psichiatrici giudiziari per via di un comma del disegno di Legge ‘Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e all’ordinamento penitenziario’. A farlo sapere e’ il comitato StopOpg che ha fatto partire la staffetta durante la discussione del ddl alla Camera “per ottenere lo stralcio della norma in questione”. Secondo il comitato, infatti, il rischio e’ quello di “riaprire la stagione degli Opg. Viene infatti ripristinata la vecchia normativa disponendo il ricovero di detenuti nelle Residenze per le misure di sicurezza (Rems) come se fossero i vecchi Opg”. In questo modo, spiega il comitato in una nota, si vanifica “lo straordinario lavoro degli operatori che ha portato in questi mesi ad oltre 500 dimissioni” e si smentisce “la grande riforma che ha chiuso gli Opg, la legge 81/2014, che vede nelle misure alternative al detenzione, costruite sulla base di un progetto terapeutico riabilitavo individuale, la riposta prevalente da offrire. Non abbiamo chiuso gli Opg per vederli riaprire sotto mentite spoglie”. Per questo StopOpg sta effettuando una nuova staffetta del digiuno, durante la discussione del DdL alla Camera, per ottenere lo stralcio della norma in questione e garantire davvero il diritto alla salute e alle cure dei detenuti. “Abbiamo chiesto alle/ai deputate/i di presentare un emendamento- conclude la nota- e il termine per la presentazione degli emendamenti scade il 27 aprile”